Domanda

Garantire un pagamento equo agli agricoltori del cacao e ai loro lavoratori.

Le aziende del cioccolato devono garantire un reddito sufficiente ai piccoli agricoltori e ai lavoratori, in modo da poter garantire una vita dignitosa a loro stessi e alle loro famiglie, in rapporto al costo della vita nei loro rispettivi paesi. Il reddito medio degli agricoltori e dei lavoratori, soprattutto in Africa occidentale, è molto inferiore al livello di povertà assoluta, che significa vivere con 1,25 USD e meno al giorno. Il reddito deve poter coprire le esigenze fondamentali dei lavoratori e delle loro famiglie, e cioè assicurare rifugio, nutrizione, acqua potabile, assistenza sanitaria, educazione, cura dei figli, tasse e trasporti. Per quanto riguarda i piccoli produttori, tale reddito si riferisce al prezzo minimo equo per i loro semi di cacao, permettendo loro di pagare un salario minimo ai lavoratori assunti. Inoltre, un pagamento equo permette ai genitori di pagare i costi per la scuola dei loro figli evitando così il lavoro minorile.

Migliorare le capacità degli agricoltori del cacao di attuare l'agricoltura sostenibile e diversificata.

Le aziende del cioccolato devono contribuire al mantenimento di un sistema ecologico e climatico equilibrato nonché alla buona qualità del suolo e dell'acqua, sostenendo la produzione di cacao sostenibile. Le aziende devono inoltre contribuire a migliorare la capacità degli agricoltori di diversificare i loro prodotti agricoli, in quanto questa svolge un ruolo fondamentale nel migliorare le condizioni di vita dei piccoli agricoltori. Coltivare e commerciare una varietà di colture stabilizza il reddito degli agricoltori e dei loro lavoratori, riducendo la loro dipendenza dal commercio del cacao appena redditizio. Inoltre, la diversificazione agricola li protegge contro le crisi come ad esempio il fallimento del raccolto causato da condizioni meteorologiche estreme, riduce al minimo gli effetti negativi delle fluttuazioni estreme dei prezzi e aumenta la sicurezza alimentare. Riguardo ad entrambi gli aspetti, le aziende devono garantire regolare training per i coltivatori del cacao sul clima e le risorse naturali, le pratiche agricole compatibili e i metodi della diversificazione agricola.

Aderire alle richieste sopra indicate creando una certificazione indipendente e un sistema di controllo che corrisponda agli standard internazionali.

Le Aziende del cioccolato devono utilizzare un sistema di certificazione del prodotto indipendente, accompagnato da un sistema di monitoraggio esterno, al fine di garantire il rispetto degli standard sociali ed ecologici e assicurare la piena trasparenza lungo la catena dell’indotto. Tenuto conto del fatto che la certificazione indipendente di prodotti riguarda finora solo una piccola quota della produzione complessiva di cioccolato, le aziende devono aumentare notevolmente l'utilizzo di certificati di cacao con l'obiettivo a lungo termine di adeguare tutti i loro prodotti a questi standard.

Rispettare i diritti umani e del lavoro lungo tutta la catena dell’indotto del cacao e opporsi allo sfruttamento del lavoro minorile.

Le Aziende del cioccolato devono garantire il rispetto dei diritti umani e condizioni di lavoro dignitose, in piena attuazione dei principi riconosciuti a livello internazionale come definiti dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e dall'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). Solo in Costa d'Avorio e nel Ghana quasi 2 milioni di bambini lavorano nelle piantagioni di cacao, centinaia di migliaia di loro lavorano in condizioni non consentite dalle norme internazionali. A causa di queste gravi ingiustizie nella produzione del cacao, le aziende devono soprattutto opporsi allo sfruttamento del lavoro minorile in conformità con le Convenzioni OIL 182 e 138.